Voglia di dolce senza zucchero: mousse alla banana, avocado e cioccolato, senza glutine


In attesa delle feste più golose dell’anno, non rinunciamo ad un dessert leggero: una deliziosa mousse con banana, avocado e cioccolato, senza zucchero, senza glutine, senza latticini, adatta anche a vegetariani e vegani, facile e veloce da preparare.

Ps: come far germogliare un seme di avocado e avere una bella pianta (meglio più di una nello stesso vaso, è una pianta che soffre di solitudine) da addobbare per Natale?
Io lo faccio già da qualche anno, è una simpatica idea non impegnativa.
In primavera, all’aperto, interro qualche seme, non tutti, altrimenti corro il rischio di essere sommersa da una giungla: solo quelli che mi sembrano più carini e fatti meglio.
Rimuovo la pellicina che avvolge il seme dell’avocado, lo metto in un vaso con la parte più appuntita verso l’alto e bagno regolarmente la terra. In poco tempo (non più di due mesi) spuntano i germogli e si può già pensare agli addobbi natalizi.
Alla fine dell’inverno riporto nel giardino le mie piantine che, con il clima più caldo, metteranno nuovi germogli.

DIFFICOLTÀ: facile

INTOLLERANZE:
senza glutine, senza uova, senza latticini, senza frutta secca, senza crostacei

INGREDIENTI RICETTA:

1 avocado
2 banane
200 ml di latte di riso**
4 cucchiai di cacao amaro**
1 limone
1/2 cucchiaino di Aroma Naturale Vaniglia Rebecchi (senza glutine)
Scaglie di cioccolato fondente Nero Nero Novi 88% (senza glutine)

** Prodotti a rischio per il celiaco: verificare in etichetta se prodotto idoneo, quindi con il claim “senza glutine”, oppure consultare il prontuario AIC Assoc. Italiana Celiachia

PROCEDIMENTO RICETTA:

Mettere in una ciotola le banane a rondelle, l’avocado a cubetti e mescolarli a qualche cucchiaio di succo di limone (anche se non è indispensabile che non anneriscano, il succo del limone aggiunge freschezza alla mousse ).

Trasferire la frutta nel bicchiere del mixer assieme al cacao, all’aroma di vaniglia, al latte di riso e frullare fino ad ottenere una crema omogenea.

Versare la mousse in una ciotola, guarnire con scaglie di cioccolato tagliate a coltello e mettere in frigorifero per una mezz’ora prima di servire.

È ferragosto, frutta fresca per tutti!

image

Un’anguria, frutta fresca e un po’ di pazienza per preparare tanta buona frutta da consumare in allegra compagnia.
Un post fuori dalle righe, semplice e facile per augurare un buon ferragosto!

DIFFICOLTÀ: nessuna

INGREDIENTI RICETTA:

Un’anguria, tutta la frutta fresca disponibile, qualche foglia di menta e un po’ di pazienza…

PROCEDIMENTO RICETTA:

Tagliare e svuotare un’anguria e con uno scavino ricavare delle palline, possibilmente senza semi.

Tagliare il melone, eliminare i semi e fare altrettanto.

Lavare tutta la frutta a disposizione e tagliarla a pezzetti.

Con la frutta preparata riempire l’anguria.

Conservare in frigorifero fino al momento di portare in tavola.

Frittata di pasta senza uova e senza glutine

image

La frittata di pasta è una ricetta della tradizione povera napoletana, un modo semplice e gustoso per riciclare gli avanzi di pasta abbinandoli alle uova sbattute, ottima da mangiare sia fredda che calda e da servire come antipasto o come primo piatto.
Interessante e invitante la frittata senza uova che trasforma la frittata di pasta in un piatto vegano molto gradevole.

Ps: è un piatto che apprezziamo molto, ricorda per sapore e profumo la farinata.
Cuocio espressamente la pasta (sempre formati non molto grossi, tipo gobbetti, conchiglie o maccheroncini, senza glutine ovviamente) e qualche volta la porto in tavola come secondo piatto, accompagnata da una fresca insalatina.

DIFFICOLTÀ: facile

INTOLLERANZE:
senza glutine, senza uova, senza frutta secca, senza latticini, senza crostacei

INGREDIENTI RICETTA:

250 g di pasta senza glutine già cotta
100 g di farina di ceci**
200 g di acqua
Olio extra vergine di oliva
Prezzemolo, erba cipollina, basilico, timo, origano
Sale, pepe nero e curcuma

** Prodotti a rischio per il celiaco: verificare in etichetta se prodotto idoneo, quindi con il claim “senza glutine”, oppure consultare il prontuario AIC Assoc. Italiana Celiachia

PROCEDIMENTO RICETTA:

In una ciotola versare la farina di ceci e l’acqua e mescolare con una frusta per non formare grumi.

Aggiungere una macinata di sale, di pepe e tutte le aromatiche sminuzzate.

In un tegame versare un giro di olio, la pasta e mettere sul fuoco a fiamma bassa.

Versare la pastella di ceci e rendere omogeneo il tutto appiattendo con una forchetta.

Distribuire sulla superficie una macinata di pepe nero e una spolverata di curcuma.
(L’abbinata pepe nero-curcuma non è a caso: il pepe nero potenzia le proprietà della curcuma)

Cuocere la frittata a fuoco dolce facendola dorare prima da un lato e poi dall’altro, aiutandosi con un piatto o un coperchio per girarla.

Anche con il riso avanzato non è male:

La piada dei morti, senza glutine


img_6379

La piada dei morti è un dolce tipico della Romagna.
Deve il suo nome al periodo in cui viene preparato, cioè in prossimità della commemorazione dei defunti.
Ricette della piada dei morti in rete ce ne sono molte e con ingredienti che prevedono uova, vino, latte, ma ho trovato interessante quella di Catia, del blog “Catia in cucina”.
Catia ha notato che la sua ricetta, pur non avendolo fatto di proposito, è vegana e ora, con ingredienti senza glutine, adatta anche ai celiaci.
La mia versione non si discosta molto dalla sua: oltre alla farina senza glutine e alla maggior quantità di acqua nell’impasto (le farine senza glutine sono assetate di liquidi), ho alleggerito di poco la quantità dello zucchero (per me zucchero di canna grezzo).
La lunga lievitazione con poco lievito rende il dolce particolarmente digeribile, come qualsiasi pane preparato con questo metodo.
Questa piada dei morti, dolce ma non troppo, semplice ma appetitosa può essere gustata a colazione o a fine pasto con un buon vino dolce non solo a novembre, ma in qualsiasi periodo dell’anno.

DIFFICOLTÀ: facile

INTOLLERANZE:
senza glutine, senza uova, senza crostacei

INGREDIENTI:

Per il primo impasto:
300 g di farina Pane e Pizza Grano Zero Molino Pasini
3 g di lievito di birra fresco
230 g di acqua

Per il secondo impasto:
60 g di zucchero mascobado
65 g di uvetta
90 g di noci
30 g di olio di semi
mandorle e pinoli q.b.

PROCEDIMENTO RICETTA:

Sciogliere il lievito nell’acqua tiepida, unire la farina e lavorare fino ad avere un panetto morbido ed elastico.
Mettere in una ciotola, coprire con pellicola e lasciar lievitare a temperatura ambiente per tutta la notte.

Il mattino seguente mescolare all’impasto la metà delle noci spezzettate, l’uvetta lavata, ammollata e strizzata, lo zucchero e l’olio.
Lavorare bene per amalgamare tutti gli ingredienti.

Stendere l’impasto in una tortiera di cm 24 ricoperta di carta da forno bagnata e strizzata, distribuire sulla superficie le noci rimaste, qualche mandorla e una manciata di pinoli.

Mettere a lievitare il dolce per un’ora nel forno con la lucina accesa.

Cuocere in forno caldo a 200 gradi per circa 20 minuti.

La “nonfrittata” di Marco Bianchi, anche senza glutine!

image

Lasciamo che sul web imperversi la discussione sull’opportunità di definirla frittata anche se dell’uovo non c’è nemmeno l’ombra e sglutiniamo questa ricetta di Marco Bianchi*, cosa che risulta assai facile: basta usare una farina di ceci “sicura” per i celiaci.
Gustiamocela e lasciamo da parte le polemiche perché, come dice Marco Bianchi :
“Questo piatto è Bello&Buono, ma soprattutto ha il Gusto Giusto!”

Ps: La quantità di acqua deve essere sempre il doppio della quantità di farina e gli aromi, ovviamente, sono a discrezione del proprio gusto e della disponibilità del giardino (o dispensa).
I pomodorini, un pensiero dell’ultimo momento: mi piaceva avere una nota di colore!
Per la cottura meglio usare una padella antiaderente: la “nonfrittata” scivolerà perfettamente sia quando si deve girare (con l’aiuto di un piatto o di un coperchio oppure, se si è esperti o temerari, al volo), che quando è cotta.
Non c’è bisogno di coprire, non essendoci uova non gonfia affatto, mentre è importante girarla solo quando si è completamente rappresa sul lato a contatto con il tegame e non troppo liquida in superficie.

Per sapere di più di Marco Bianchi:
https://stellasenzaglutine.com/?s=Marco+Bianchi&submit=Cerca

DIFFICOLTÀ: facile

INTOLLERANZE:
senza glutine, senza uova, senza frutta secca, senza latticini, senza crostacei

INGREDIENTI RICETTA:

100 g di farina di ceci**
200 g di acqua
2 cucchiai di olio extravergine di oliva
Erba cipollina e origano (freschi, del mio giardino)
Pomodorini pachino
Olio extravergine di oliva
Sale e pepe

** Prodotti a rischio per il celiaco: verificare in etichetta se prodotto idoneo, quindi con il claim “senza glutine”, oppure consultare il prontuario AIC Assoc. Italiana Celiachia

PROCEDIMENTO RICETTA:

In una ciotola stemperare la farina di ceci con l’acqua.

Aggiungere un pizzico di sale, una macinata di pepe nero e due cucchiai di olio.

Mescolare bene poi aggiungere l’erba cipollina tagliata a pezzetti e le foglioline di origano.

Mettere la pastella a riposare.

Nel frattempo tagliare la cipolla e appassirla in un tegame con un po’ d’acqua.

Dopo 10 minuti circa, quando la cipolla è quasi cotta, aggiungere i pomodorini tagliati a metà e un filo di olio.

Proseguire la cottura per altri cinque minuti poi aggiungere la pastella di ceci.

Cuocere la nonfrittata 7-8 minuti per lato, a fuoco medio.

Quando la “nonfrittata” avrà fatto una invitante crosticina dorata su entrambi i lati, capovolgere su un piatto da portata e servire.

Zuppa senza glutine con fagioli dell’occhio e pane rustico, ricetta vegan

image

Le zuppe sono un primo ideale in questa stagione fredda, riscaldano il cuore e lo stomaco.
D’inverno ci piace iniziare la cena con una piccola ciotola di zuppa, di qualsiasi genere….ne conosco tante e tante sono in attesa di essere provate….
Il fagiolo dell’occhio , chiamato così per la caratteristica macchiolina nera tonda, è piccolo, con buccia sottile e pasta cremosa.
È un fagiolo delicato, molto digeribile e la zuppa che si ottiene è profumata e invitante.

INGREDIENTI RICETTA:

Fagioli dell’occhio secchi
Uno spicchio di aglio
Una carota
Una cipolla
Una costa di sedano
Olio di oliva extra vergine
sale
1 foglia di alloro

PER IL PANE RUSTICO:

480 g di acqua
15 g di lievito di birra fresco
1/2 cucchiaino di zucchero
25 g di olio extravergine di oliva
250 g di farina Schär Brot Mix
150 g di farina Schär Mix B
Un cucchiaino di sale

PROCEDIMENTO RICETTA:

Per il pane con la Macchina del Pane:

Sciogliere il lievito in poca acqua tiepida e zucchero.

Nel cestello della macchina del pane inserire nell’ordine:
L’acqua tiepida e il lievito sciolto con lo zucchero, l’olio, le farine e da ultimo il sale.
Selezionare un programma di 2 ore e 55 minuti (o comunque un programma che si avvicini a questo tempo), colore medio.

Avviare la MdP, dopo qualche minuto rimuovere dai bordi del contenitore i residui di farina con una spatola di silicone e lasciarla lavorare.

A fine cottura estrarre il pane dal cestello e metterlo a raffreddare su una griglia prima di affettarlo.

Per la zuppa:

Ammollare i fagioli per 12 ore in acqua, sciacquarli sotto l’acqua corrente e metterli in una pentola con abbondante acqua fredda e una foglia di alloro, senza sale.
Portare ad ebollizione e far bollire per almeno 15/20 min.
Scolare i fagioli e buttare l’acqua.

Trasferire i fagioli scolati in un tegame di coccio, aggiungere sedano, carota, cipolla a pezzetti e l’aglio spremuto.

Coprire con acqua e cuocere per circa un’ora a fuoco lento, con il coperchio, sino a che saranno teneri, aggiungendo acqua se necessario.
Ho aggiunto un paio di croste di formaggio grana (grattate benissimo e lavate sotto l’acqua corrente) per rafforzare il sapore, ma questo ovviamente è facoltativo.
A fine cottura aggiustare di sale.

Servire con un filo di olio (che io non metto mai) e le fette di pane tostato.

Per cambiare: tagliare del pane a dadini (ho usato le mie mantovane*), tostarlo in padella con un filo di olio, qualche spicchio di aglio e un paio di foglie di basilico.

*Le mantovane
https://stellasenzaglutine.com/2013/10/17/world-bread-day-2013-mantovane-gluten-free/