Colomba senza glutine con cioccolato, amaretti e confettura di amarene


img_9287

Quest’anno festeggiamo la Pasqua con una colomba senza glutine molto golosa, con cioccolato, amaretti e confettura di amarene.
Dalla rivista “Alice Cucina” con piccole ma importanti variazioni alla ricetta: nell’impasto più acqua e meno zucchero e tempi di lievitazione un po’ diversi, ma vediamo come procedere.

DIFFICOLTÀ: facile

INTOLLERANZE:
senza glutine, senza crostacei

INGREDIENTI RICETTA:

500 g di farina Dolci Lievitati Molino Dallagiovanna + poca per spolverizzare
250 g di acqua
100 g di zucchero di canna
2 uova e 2 tuorli
La scorza grattugiata di una arancia non trattata
4 g di sale
100 g di burro
16 g di lievito di birra fresco
50 g di gocce di cioccolato fondente**
10 amaretti bio B&O Italy Biologic and Organic Italian Food (senza glutine)
Confettura di amarene**
Pasta con estratto di vaniglia in bacca**

Per la glassa:
10 g di fecola di patate**
40 g di farina di mandorle**
70 g di zucchero di canna
1 albume
5-6 amaretti bio B&O Italy (senza glutine)
Mandorle pelate
Zucchero a velo**

** Prodotti a rischio per il celiaco: verificare in etichetta se prodotto idoneo, quindi con il claim “senza glutine”, oppure consultare il prontuario AIC Assoc. Italiana Celiachia

PROCEDIMENTO RICETTA:

Nella ciotola della planetaria stemperare il lievito di birra nell’acqua a temperatura ambiente, aggiungere lo zucchero e mescolare.

Versare la farina e iniziare ad impastare con la foglia alla prima velocità.
Unire le uova, i tuorli e continuare a lavorare.

Aggiungere poi la scorza grattugiata dell’arancia, 3 cucchiaini di estratto di vaniglia e il burro in fiocchi.
Salare e lavorare per 10 minuti fino ad ottenere un impasto elastico.

Per ultimo aggiungere le gocce di cioccolato fredde di freezer e gli amaretti, sbriciolati grossolanamente.

Trasferire l’impasto su un piano da lavoro leggermente infarinato e farlo riposare per 15 minuti.

Lavorare l’impasto ripiegandolo su se stesso poi trasferirlo nella ciotola della planetaria.
Coprire con un foglio di pellicola e mettere a lievitare nel forno con la lucina accesa fino al raddoppio del volume iniziale (circa 4 ore).

Trascorso questo tempo, riprendere l’impasto e trasferirlo su un piano da lavoro leggermente infarinato.
Prelevarne 1/3 e allargarlo con i polpastrelli, fino ad ottenere un rettangolo.

Distribuire al centro un po’ di confettura e avvolgere l’impasto su se stesso.

Trasferire il rotolo all’interno dello stampo (da 1 kg) curvandolo nello spazio riservato alle ali.

Allargare l’impasto restante, farcire con la confettura, arrotolare e sistemare nello stampo.
Coprire con un foglio di pellicola e far lievitare nel forno con la lucina accesa finché l’impasto non avrà quasi raggiunto il bordo (circa 2,5 ore).

Nel frattempo preparare la glassa:
Versare in una ciotola l’albume, unire la fecola, lo zucchero e la farina di mandorle e amalgamare fino ad ottenere un composto colloso.

Trasferire la glassa in un sac à poche e distribuire sulla superficie della colomba lievitata.

Livellare con una spatola (delicatamente), cospargere con gli amaretti sbriciolati e le mandorle.

Spolverizzare con lo zucchero a velo e cuocere in forno statico, sul livello più basso, a 170 gradi per 50 minuti.

Sfornare e lasciar raffreddare.

La colomba, ben coperta con pellicola, si conserva buona e morbida per qualche giorno.

Buona Pasqua con le mini pastiere senza glutine al cappuccino

image

La pastiera è un dolce antico partenopeo la cui ricetta originale non prevede crema pasticciera, ma molti chef, compreso il grande Sal de Riso, in alcune versioni usano questa crema per rendere la pastiera ancor più morbida.
Per personalizzare la mia ricetta quest’anno ho fatto delle monoporzioni che, oltre ad essere ovviamente senza glutine, hanno nel ripieno una crema pasticciera leggera e gocce di cioccolato, mentre la frolla, senza burro, profuma di cappuccino.

La versione più classica, con canditi e al profumo di arancia:
https://stellasenzaglutine.com/2013/03/29/la-mia-pastiera-di-riso-senza-glutine/

DIFFICOLTÀ: facile

INTOLLERANZE:
senza glutine, senza frutta secca, senza crostacei

INGREDIENTI RICETTA:

Per la frolla:

700 g di farina senza glutine per Pasta Frolla Mulino Dallagiovanna
150 g di zucchero di canna integrale (mascobado)
4 uova
150 g di olio di mais bio spremuto a freddo
Un pizzico di sale
Un cucchiaino di lievito per dolci**
I semi di una bacca di vaniglia
Una bustina di cappuccino solubile NESCAFÉ (senza glutine)
70-80 g di latte

Per il ripieno:

200 g di riso Originario
700 g di latte
400 g di ricotta (per me di mucca, ben scolata dal siero)
100 g di zucchero di canna integrale (mascobado)
150 g di gocce di cioccolato**
3 uova
150-200 g di crema pasticciera

Per la crema pasticciera:
1 tuorlo
1 cucchiaio di zucchero di canna integrale (mascobado)
1 cucchiaio di fecola**
250 ml di latte

Zucchero a velo** (facoltativo)

** Prodotti a rischio per il celiaco: verificare in etichetta se prodotto idoneo, quindi con il claim “senza glutine”, oppure consultare il prontuario AIC Assoc. Italiana Celiachia

PROCEDIMENTO RICETTA:

Preparare la frolla:

Sciogliere la bustina di cappuccino nel latte tiepido.
Mettere tutti gli ingredienti nel robot eccetto l’olio, che si verserà a filo mentre l’impasto viene lavorato.
Versare il composto su di un piano leggermente infarinato, lavorarlo brevemente, avvolgerlo nella pellicola e metterlo al fresco per un’oretta.

Preparare la crema pasticciera:

Scaldare il latte finché non accenna il bollore.
Montare il tuorlo con lo zucchero poi aggiungere la fecola.
Versare il latte caldo sulla crema, mescolando con una frusta.
Mettere sul fuoco molto basso e mescolare fin che non comincia ad addensare (meno di un minuto).
Togliere dal fuoco e versare in una ciotola.
Tenere mescolato affinché non si formi la pellicola in superficie.

Preparare il ripieno:

Mettere il latte in una casseruola con la bacca di vaniglia privata dei semi e, quando comincia a bollire, versare il riso.
Mescolare e cuocere per circa 20 minuti.
Togliere la bacca di vaniglia e lasciar raffreddare.
(Sciacquare molto bene la bacca di vaniglia sotto l’acqua corrente, asciugare e farla essiccare. Servirà per aromatizzare lo zucchero a velo home made).
Aggiungere al riso raffreddato lo zucchero di canna, la ricotta, la crema pasticciera, le uova e mescolare.
Per un ripieno più omogeneo, ridurre in crema con un frullatore ad immersione.
(Se si preferisce il chicco di riso più intero, trascurare questo passaggio).
Per ultimo aggiungere le gocce di cioccolato.
Mescolare e mettere in frigorifero fino al momento di utilizzare.

Stendere la pasta frolla ad uno spessore di circa 1/2 cm, ritagliare dei cerchi e rivestire gli stampi (8 stampi di 12 cm di diametro).
Bucherellare la pasta frolla e riempire con la farcia.

Con una rotella tagliapasta ricavare dalla frolla rimasta delle strisce e sovrapporle incrociandole sulla farcia come decorazione tradizionale.

Infornare a 160-170 gradi per 35-40 minuti.

Una spolverata di zucchero a velo prima di portare in tavola.

Colomba senza glutine con miele, ananas e mandorle

image

Pasqua è ormai vicina, proviamo un dolce che si possa fare velocemente ma che sia sfizioso e originale al quale dare la tradizionale forma di colomba, simbolo di pace.
Lo spunto dalla rivista “Cucinare Bene” ma con qualche sostituzione: niente burro, niente zucchero, solo miele di arancio.
La ricetta suggerisce di usare il succo dell’ananas per ammorbidire l’impasto, oppure del latte freddo. Io ho usato quest’ultimo, il mio ananas non ha dato abbastanza succo ma in compenso ha trasmesso un gusto piacevolmente fresco alla colomba.
Le dosi della mia ricetta sono per uno stampo da 500 g.
L’occhio della colomba? Un chicco di uva passa.

DIFFICOLTÀ: facile

INTOLLERANZE:
senza glutine, senza crostacei

INGREDIENTI RICETTA:

Qualche fetta di ananas fresco
270 g di farina senza glutine Dolci Lievitati Molino Dallagiovanna
10 g di lievito per dolci**
160 g di miele di arancio + 2-3 cucchiai
3 uova
Un limone naturale
4-5 cucchiai di latte freddo
60 g di mandorle (circa)
Granella di zucchero**(facoltativo)

** Prodotti a rischio per il celiaco: verificare in etichetta se prodotto idoneo, quindi con il claim “senza glutine”, oppure consultare il prontuario AIC Assoc. Italiana Celiachia

PROCEDIMENTO RICETTA:

Pulire l’ananas, ricavare delle fette e tagliarle a metà.

In una ciotola sbattere le uova con il miele fino a renderle spumose.

Aggiungere, poco alla volta, la farina setacciata con il lievito, la buccia del limone grattugiata alternando al latte freddo, fino ad ottenere un impasto morbido.

Versare l’impasto nello stampo in carta da forno per colomba, distribuendolo bene su tutta la superficie.

Sistemare le mezze fette di ananas (dopo aver tolto la parte centrale legnosa) sulla superficie nella medesima direzione, partendo dalle ali, da sinistra e da destra verso il centro, così nella coda e nella testa.

Distribuire sulla superficie alcune mandorle intere, alcune spezzettate e cospargere con 2-3 cucchiai di miele passato qualche secondo nel microonde per renderlo liquido.

Terminare con un po’ di granella di zucchero.

Cuocere in forno statico a 170 gradi per circa 40-45 minuti.

Sfornare, lasciar raffreddare, togliere lo stampo di carta e trasferire su un piatto da portata.

Colomba di Pasqua senza glutine al “burro” d’olio

image

Ho provato a fare il “burro” di olio.
Si tratta di un “burro” fatto con olio d’oliva o di semi e latte di soia, da usare per diverse preparazioni. Non ha la consistenza solida del burro vaccino ed è particolarmente ideale per realizzare frolle, torte eccetera…
Quello con l’olio extravergine di oliva lo uso per preparazioni salate, per la pasta, dove il sapore e l’aroma dell’olio non altera il gusto, mentre quello con l’olio di semi, più neutro e delicato, preferisco usarlo per le ricette dolci.
In questi giorni lo adopero un po’ dappertutto, anche perché non ha una lunga durata: non più di 4-5 giorni, mantenuto in frigorifero, chiuso in un contenitore di vetro.
Perché non provarlo anche in questa ricetta pasquale?
La realizzazione di questa colomba è senza dubbio un po’ lunga e impegnativa (nel senso di tempo), ma niente di complicato, solo un po’ di pazienza e di attesa.
Seguendo indicazioni, passaggi e tempi di ….gestazione, ho ottenuto questa colomba!

Ps: ho distribuito la glassa sulla colomba con un sac à poche: l’ho visto fare in un laboratorio di pasticceria e l’ho trovato molto pratico.
Le scorze di arancia candite sono home made:
https://stellasenzaglutine.com/2013/04/10/scorze-di-arancia-candite-home-made-senza-glutine-le-ultime-della-stagione/

DIFFICOLTÀ: facile

INTOLLERANZE:
senza glutine, senza crostacei

INGREDIENTI RICETTA:

Per la colomba:
50 g di acqua
5 g di lievito di birra disidratato
300 g di farina senza glutine per Impasti Lievitati Molino Dallagiovanna
Succo di una arancia
Liquore Grand Marnier
60 g di latte
125 g di burro d’olio di mais
60 g di zucchero di canna integrale e 50 g di miele di arancio
2 uova
La scorza di 1 arancia e di 1 limone non trattati
40 g di scorza di arancia candita**
40 g di uvetta
Un pizzico di sale
Farina di riso finissima**

Per la glassa:
40 g di zucchero a velo**
50 g di albumi
40 g di farina di mandorle**

Per guarnire:
Mandorle intere con e senza buccia
Zucchero in granella **

Per il burro di olio:
200 ml di olio di mais
100 ml di latte di soia al naturale** senza zucchero e senza sale
Un pizzico di sale
Qualche goccia di succo di limone

** Prodotti a rischio per il celiaco: verificare in etichetta se prodotto idoneo, quindi con il claim “senza glutine”, oppure consultare il prontuario AIC Assoc. Italiana Celiachia

PROCEDIMENTO RICETTA:

Preparare il burro di olio:
In un contenitore mettere l’olio, il latte freddo di frigorifero (altrimenti con il limone rischia di cagliarsi), qualche goccia di succo di limone e un pizzico di sale.
Frullare con un minipimer ad immersione: il composto si solidificherà in pochi secondi, raggiungendo una consistenza cremosa.
Trasferire in un contenitore di vetro e conservare in frigorifero.

Preparare il lievitino con:
50 g di acqua
5 g di lievito di birra disidratato
50 g di farina

Sciogliere il lievito nell’acqua tiepida e mettere a riposare per qualche minuto.
Aggiungere poi la farina, mescolare, coprire con la pellicola e mettere a lievitare in forno con la lucina accesa per circa 1 ora o fino a quando avrà raddoppiato il volume.

Fare il primo impasto con:
200 g di farina
50 g di burro di olio
60 g di zucchero di canna e 50 g di miele di arancio
1 uovo medio (60 g)
La scorza di una arancia e di un limone
I semi di una bacca di vaniglia
60 g di latte tiepido
2 g di sale

Nella ciotola della planetaria munita di foglia, versare 200 g di farina, 60 g di zucchero e 50 g di miele, le scorze del limone e dell’arancia grattugiate, l’uovo, il lievitino, il sale e i semi della bacca di vaniglia.
Azionare la macchina per amalgamare gli ingredienti; incorporare anche il latte tiepido versandolo a filo.
Per ultimo unire il burro di olio un cucchiaio alla volta, attendendo che si sia amalgamato il precedente prima di aggiungerne altro.
Continuare ad impastare per 7-8 minuti poi trasferire il composto in una ciotola, coprire con la pellicola e lasciar lievitare per circa 4 ore nel forno con la lucina accesa.

Fare il secondo impasto con:
75 g di burro di olio
1 uovo medio (60 g)
50 g di farina
Uvetta e canditi
Grand Marnier e succo di arancia

Lavare l’uvetta e mettere in ammollo nel succo di arancia o nel Grand Marnier (io ho fatto metà e metà).
Tagliare a pezzetti le scorze di arancia candite.

Riprendere l’impasto lievitato e metterlo nella planetaria munita di foglia, aggiungere la farina (50g), l’uovo e 15 g di Grand Marnier.
Azionare la macchina e mentre impasta incorporare il burro di olio (75g) a cucchiai, poco alla volta aspettando che si sia amalgamato il precedente prima di aggiungere il successivo.
Quando l’impasto si sarà amalgamato, aggiungere anche l’uvetta scolata e le scorze di arancia candite.
Azionare nuovamente l’impastatrice a velocità sostenuta per almeno 7-8 minuti.
Trasferire l’impasto in una ciotola, coprire con la pellicola e mettere in frigorifero per una notte.
Al mattino togliere la ciotola dal frigorifero, riportarla a temperatura ambiente poi nuovamente in forno con la lucina accesa a lievitare per circa 4 ore.

Preparare la glassa:

Sbattere con i rebbi di una forchetta gli albumi dentro ad una ciotola, aggiungendo a mano a mano lo zucchero a velo e la farina di mandorle: il composto deve essere né troppo denso né troppo liquido, non deve colare sulla colomba.

Trasferire l’impasto lievitato della colomba sul tappetino di silicone (o sulla spianatoia) cosparso di farina di riso finissima, rigirare con il tarocco qualche volta poi dare la forma di un cilindro.

Dividere in 3 parti: una più grande per il corpo e le altre 2 per le ali della colomba e riempire con queste lo stampo.

Mettere la colomba a lievitare nel forno con la lucina accesa fino a quando l’impasto sarà raddoppiato (circa 3-4 ore).

Trascorso questo tempo spargere sulla colomba la glassa, le mandorle e la granella di zucchero.

Cuocere in forno statico preriscaldato a 170 gradi per 40-45 minuti circa.

Sfornare la colomba, infilzarla con due ferri da maglia lunghi e capovolgerla mantenendola sospesa tra due pentole, così non collasserà al centro.

Una volta raffreddata, la colomba è pronta per essere gustata.

Buona Pasqua!!

Colomba senza glutine, senza zucchero e senza latticini

image

L’ho chiamata “la colomba dei senza”: niente glutine, niente zucchero, niente latticini e se poi da questa ricetta togliamo le mandorle a lamelle e sostituiamo con qualche goccia di cioccolato (ovviamente senza glutine) va bene anche per chi non tollera la frutta secca.
È un po’ asciutta, non è soffice come le colombe burrose e glutinose, ma se la presentiamo con una mousse di frutta cotta (mele, arance e prugne profumate con succo di limone, cannella e chiodi di garofano, niente zucchero, è più che sufficiente quello della frutta!)…non è niente male: gusto e profumo non mancano!

DIFFICOLTÀ: facile

INTOLLERANZE:
senza glutine, senza latticini, senza crostacei

INGREDIENTI RICETTA:

400 g di Miscela Dolci Farine dei Nostri Sacchi (oppure Mix di farine naturali senza glutine per impasti lievitati dolci)*
70 g di miele di acacia
150 g di acqua
15 g di lievito di birra fresco
1 uovo intero + 1 tuorlo
50 g di olio di mais
La scorza grattugiata di 2 arance naturali
Un pizzico di sale
Lamelle di mandorle (o anche mandorle intere)

* https://stellasenzaglutine.com/2013/04/25/i-mix-di-farine-senza-glutine/

PROCEDIMENTO RICETTA:

Sciogliere nella ciotola dell’impastatrice lievito e miele in 150 g di acqua tiepida.

Dopo 5 minuti, quando il lievito avrà cominciato a fare la schiumetta, aggiungere la farina e lavorare con il gancio fin che l’impasto risulterà abbastanza amalgamato.

Aggiungere poi il sale e, a filo, l’olio e lavorare fin che sarà ben assorbito e tutto omogeneo.

Trasferire l’impasto sul tappetino di silicone (o sulla spianatoia infarinata) e, aiutandosi con il tarocco, impastare e rimpastare per diverse volte poi trasferire, con la chiusura di sotto, in una ciotola.

Coprire e mettere a lievitare in un posto caldo (nel forno con la lucina accesa) fino al raddoppio (circa un’ora e 1/2).

Riprendere l’impasto dalla ciotola, stenderlo delicatamente e distribuire le mandorle a lamelle.

Con il tarocco piegare l’impasto per incorporate le mandorle, dividerlo in due parti, una più grande dell’altra e formare due cilindri, uno più corto e uno più lungo.

Mettere il cilindro più corto a coprire le ali dello stampo (da 750 g) e il cilindro più lungo a formare il corpo della colomba.

Rimettere a lievitare la colomba con un pentolino di acqua bollente nel forno con la lucina accesa, fino a quando avrà raggiunto quasi i bordi dello stampo (circa 2 ore).

Senza spostare la colomba accendere il forno, statico, a 180 gradi e cuocere per 40 minuti circa.

Per togliere la colomba dallo stampo, aspettare che si raffreddi e servire con la mousse di frutta.

Colombine pasquali senza glutine, senza lievito e senza colesterolo di Evelina Flachi

image

La settimana scorsa la dottoressa Evelina Flachi, nutrizionista, specialista in scienza dell’alimentazione, ha proposto durante la trasmissione televisiva “la Prova del Cuoco” la ricetta della colomba senza glutine, senza lievito, senza colesterolo e poco calorica.
Una mortificazione dei sensi? Decisamente no e lo posso assicurare: fatte le colombine, assaggiate e messo la ricetta in evidenza, da ripetere!!
Unica variante: invece di spolverare con il cacao le colombine dopo la cottura, ho fatto una gradevole copertura di cacao, zucchero a velo e albume.
Con queste dosi si ottengono 3 piccole colombe monoporzione….abbondante!

DIFFICOLTÀ: facile

INTOLLERANZE:
senza glutine, senza latticini, senza crostacei

INGREDIENTI RICETTA:

60 g di zucchero
30 g di farina di mais finissima Nutri Free
4 albumi (120 g)
80 g di farina di mandorle (macinare finemente mandorle bianche oppure consultare prontuario AIC Assoc. Italiana Celiachia)

Per la copertura:

1 albume
15 g di mandorle a lamelle
1 cucchiaio di cacao amaro in polvere (uso Lindt, in prontuario AIC Associaz. Italiana Celiachia)
1 cucchiaio di zucchero a velo (se non è home made come il mio, consultare il prontuario AIC Assoc. Italiana Celiachia)

PROCEDIMENTO RICETTA:

Montare albumi e zucchero con un pizzico di sale fin che diventano bianchi e fermissimi.

Aggiungere delicatamente la farina di mais e la farina di mandorle.

Dividere il composto in 3 piccoli stampi per colomba.

Per la copertura:

Mescolare cacao e zucchero e aggiungerli all’albume sbattuto, amalgamare bene e distribuire sulle colombe.

Completare con le mandorle a lamelle.

Cuocere in forno statico a 120 gradi per 40 minuti e…. Buona Pasqua!

Cassatelle senza glutine al forno

image

Le Cassatelle sono un dolce pasquale della Sicilia, in particolare del trapanese, dove vengono chiamate cassateddi: dolce con la ricotta, dalla tipica forma a mezza luna.
Carina anche l’interpretazione ragusana di piccoli canestrini e non sapendo quale scegliere ho fatto entrambi.
La pasta frolla è light, niente burro ma olio di mais e la ricetta, che ho alleggerito, è quella usata per la Torta di San Biagio:
https://stellasenzaglutine.com/2014/02/03/torta-di-san-biagio-senza-glutine/
Si possono anche friggere ma ho preferito la cottura in forno, decisamente più salutare ma che non toglie nulla alla bontà di questo dolce.

DIFFICOLTÀ: media

INTOLLERANZE:
senza glutine, senza frutta secca, senza crostacei

INGREDIENTI RICETTA:

Per la pasta frolla:

200 g di farina di riso finissima Nutrifree
140 g di farina di mais finissima Nutrifree
100 g di maizena (vedere prontuario AIC Associaz. Italiana Celiachia)
150 g di zucchero
90 g di olio di mais
2 uova + 1 per spennellare la pasta
4 cucchiai di latte
1 pizzico di sale
Un cucchiaino scarso di lievito per dolci (vedere prontuario AIC Associaz. Italiana Celiachia)
Un cucchiaino scarso di vaniglia in polvere (Rapunzel 100% vaniglia bourbon, oppure i semini di una bacca di vaniglia
Un cucchiaino scarso di xanthano

Per il ripieno:

300 g di ricotta mista fresca
70 g di gocce di cioccolato fondente (uso Zaini, in prontuario AIC Assoc. Italiana Celiachia)
50 g di zucchero a velo vanigliato* + poco per spolverare i dolci (se non è home made come il mio consultare il prontuario AIC Assoc. Italiana Celiachia)
Cannella in polvere (uso Cannamela, garantita senza glutine dall’azienda)

* zucchero a velo vanigliato home made: frullare lo zucchero semolato con i baccelli di vaniglia usati e fatti essiccare.

PROCEDIMENTO RICETTA:

Preparare la frolla:

Mettere tutti gli ingredienti nella ciotola impastatrice e far andare fin che l’impasto si arrotola sul gancio.

Fare un panetto, avvolgere nella pellicola e mettere in frigorifero per una mezz’ora.
Quando posso, la frolla la preparo il giorno prima e metto a riposo in frigorifero per tutta la notte.

Preparare il ripieno:

Setacciare la ricotta, unire le gocce di cioccolato, lo zucchero a velo vanigliato e amalgamare.

Togliere la frolla dal frigorifero e lavorarla tra due fogli di carta forno, aiutandosi con poca farina di mais.

Ritagliare dei cerchi, mettere un cucchiaino di ripieno e piegare a mezzaluna.

Prima di infornare spennellare con l’uovo sbattuto.

Per i canestrini, ritagliare dalla pasta delle strisce, formare un cordoncino da appoggiare all’interno del cerchio e man mano chiudere pizzicando la pasta a intervalli.
Punzecchiare il fondo con una forchetta e riempire con un po’ di ripieno.

Prima di infornare spennellare la pasta con un uovo sbattuto.

Cuocere a 180 gradi per 15 minuti.

Togliere dal forno e lasciar raffreddare.

In una ciotola mettere un cucchiaio di zucchero a velo e un po’ di cannella macinata, mescolare e spolverare solo le cassatelle a mezza luna.

Ps: rimane della frolla? Ritagliare dei biscotti, ottimi per la colazione del mattino!

Una colomba senza glutine veloce veloce

image

Non ho resistito, non poteva mancare la colomba per Pasqua!
Non mi rimane molto tempo: Pasqua è domani e oggi ho passato tutta la mattina fuori casa….
Dopo aver pranzato mi sono rimboccata le maniche e in meno di un’ora la colomba è nel forno, pronta per la cottura!
Ho fatto questa ricetta vista in TV…. si lo so, qualcuno penserà che passo tanto del mio tempo sul divano a fare zapping tra un canale e l’altro…invece no, semplicemente accendo la TV, ascolto e memorizzo quello che può interessarmi e intanto sfaccendo per casa o mi infarino (molto volentieri!) in cucina.
Se qualcosa ha catturato il mio interesse (troppe cose in verità) devo trovare il tempo per realizzarle.
È diventata una sfida quella di sglutinare, particolarmente piacevole per me….e anche per lui, ma non solo…
E dal profumo che si sta sprigionando in cucina direi che non ho sbagliato.
Anna Moroni ha colpito ancora!! (si, perché la ricetta è sua, ho solo fatto qualche modifica)
Oggi non si taglia, aspettiamo domani….e se ce la farò inserirò la foto della fettina.

Buona Pasqua a tutti!!

DIFFICOLTÀ: facile

INTOLLERANZE:
senza glutine, senza lattosio, senza crostacei

INGREDIENTI RICETTA:

150 g di farina Biaglut Sfornagusto x dolci (pacco da 500 g)
150 g di fecola di patate San Martino (in prontuario AIC-Associazione Italiana Celiachia)
150 g di zucchero di canna
200 g di burro
4 uova intere
50 g di liquore Grand Marnier
succo di mezzo limone
1 bustina di vanillina (vedi prontuario) o i semini di 1/2 bacca di vaniglia
1 bustina di lievito per dolci San Martino (in prontuario AIC-Associazione Italiana Celiachia)
1 pizzico di sale
arancia candita tritata (per me scorze di arancia candita home made)

Per la glassa:

100 g di nocciole
50 g di mandorle
25 g di farina di mais finissima Nutri Free
150 g di zucchero a velo consentito (per me zucchero semolato frullato con bacche di vaniglia usate e essiccate)
albume q.b.

PROCEDIMENTO RICETTA:

 

Mettere nel robot la fecola, la farina, il lievito, il burro e dare un paio di giri, aggiungere poi lo zucchero, le uova intere, una per volta e l’arancia candita, la vanillina, un pizzico di sale e il succo di limone. Per ultimo il liquore.
Amalgamare bene

Versare metà dell’impasto nello stampo della colomba (da 750 g), distribuire qualche mandorla intera e ricoprire con il resto del composto.

Preparare la glassa: frullare – non troppo – nocciole e mandorle (tenere da parte qualche mandorla per decorare la superficie), metterle in una ciotola con lo zucchero a velo, la farina di mais, mescolare e aggiungere gli albumi, tanti da ottenere una consistenza di uno yogurt. Io ne ho usati 3.
Mescolare bene, bene con una forchetta.

Ricoprire la colomba con questa glassa (veramente a me è sembrata troppa, non volevo soffocare la mia creatura e ne ho messo la metà).
Distribuire in superficie qualche mandorla e passare in forno caldo a 175 gradi per 40 minuti.