Tortillas di farina senza glutine con Kefir di latte, formaggio e profumi


img_98451

Una tortilla golosa e profumata da accompagnare a salumi, formaggi ma anche come semplice alternativa al pane, solo più ricca e saporita.
La ricetta originale (sicuramente messicana: in Messico non si preparano solo tortillas con farina di mais), è preparata con farina di frumento, Kefir (probiotico dalle innumerevoli proprietà), insaporita con un buon grana (o altro formaggio a pasta dura), profumata con il prezzemolo e un po’ di ciuffi verdi del finocchio che danno un sapore fresco alla tortilla.
La ricetta? In lingua spagnola ma molto comprensibile, passatami gentilmente da chi al Kefir, questo prezioso alleato della nostra salute, dà del tu!
Per esigenza della farina senza glutine ho dovuto fare qualche aggiustamento alla quantità dei liquidi; ho tolto il sale (il formaggio grana insaporisce abbastanza) e ho modificato la preparazione della tortilla.
La ricetta infatti suggerisce di mettere il formaggio all’interno di ogni pallina, prima di stenderla. Per semplificare ho messo il formaggio direttamente nell’impasto.
È essenziale che la temperatura con cui si cuoce la tortilla non sia troppo forte ma moderata, per non bruciarla o seccarla troppo e cuocere bene anche l’interno.
Se non si usa tutto l’impasto, si può conservare in frigorifero, avvolto nella pellicola e stendere la tortilla quando serve.
Se invece ne avanza qualcuna già cotta….non è niente male anche riscaldata: ho provato entrambe le possibilità.
Se si vogliono perfettamente rotonde, basta seguire i contorni di un coperchio e ritagliare la tortilla con una rotella tagliapasta, oppure si cuociono così, come riescono, senza perfezione!

Come sempre quando preparo ricette con il Kefir mi trovo il problema della intolleranza al lattosio.
Il Kefir è un latte fermentato e i batteri in esso contenuti metabolizzano il lattosio, trasformandolo in un prodotto praticamente delattosato.
Un articolo scientifico inglese pubblica che un prodotto lattiero-caseario fermentato con il Kefir migliora la digestione del lattosio.
Ritengo che, nonostante il Kefir sia il latticino più consigliato per chi ha problemi di mal digestione e intolleranza al lattosio, sia comunque sempre bene sincerarsene personalmente.

DIFFICOLTÀ: facile

INTOLLERANZE:
senza glutine, senza uova, senza frutta secca, senza crostacei

INGREDIENTI RICETTA (tra parentesi le dosi della ricetta con farina “glutinosa”):

350 g di Miscela Pane e Pizza Piaceri Mediterranei + poca per impastare
150 g di Kefir di latte con il siero (100 g)
100 g di acqua (50 g)
1/2 cucchiaino di bicarbonato di sodio
1/2 cucchiaino di sale (io non l’ho messo)
250 g di grana grattugiato con grattugia a fori larghi
Prezzemolo
Qualche ciuffo di barba di finocchio

PROCEDIMENTO RICETTA:

In una ciotola mescolare la farina, il bicarbonato, il prezzemolo tritato e la barba del finocchio.

Aggiungere il Kefir, l’acqua, il grana grattugiato e mescolare fino ad ottenere un composto elastico ed omogeneo.

Trasferire su un piano di lavoro cosparso di pochissima farina, impastare, dare la forma di un cilindro e dividere l’impasto in 7 parti uguali.

Schiacciare ogni parte con la punta delle dita poi stendere con il mattarello un cerchio di circa 15 cm di diametro.

Cuocere la tortilla in una padella antiaderente preriscaldata, senza aggiunta di olio, per circa 2-3 minuti per parte, mantenendo una temperatura costante e non troppo alta.

Focaccia salata senza glutine alle ciliegie

image

Un’altra ricetta interessante dalla rivista “Alice Cucina” da preparare prima che le ciliegie esauriscano la loro stagionalità.
Quelle che uso vengono dal Trentino, sono ciliegie tardive, molto sode e saporite.
Sulla superficie della focaccia il Fleur de Sel.
Il fiore di sale è un tipo di sale grezzo della Camargue, iposodico, prodotto in Francia, non raffinato, senza addensanti o conservanti, molto friabile.

DIFFICOLTÀ: facile

INTOLLERANZE:
senza glutine, senza uova, senza frutta secca, senza latticini, senza crostacei

INGREDIENTI RICETTA:

500 g di Miscela Pizza Le Farine dei nostri Sacchi
250 grammi di ciliegie snocciolate
10 g di lievito di birra fresco
Rosmarino
20 g di olio extravergine di oliva + poco per la teglia e per stendere l’impasto
350 g di acqua
5 g di sale
Sale grosso
2 g di zucchero

PROCEDIMENTO RICETTA:

Mescolare l’olio con l’acqua tiepida; unire lo zucchero e il lievito e far sciogliere.

In una ciotola versare la farina, al centro il lievito sciolto e impastare.

Terminare con il sale e lavorare fino ad ottenere un panetto liscio ed elastico.

Fare una palla e mettere a lievitare in una ciotola coperta con la pellicola per circa un’ora e mezza (tanto ha impiegato in questa stagione a raddoppiare di volume).

Trascorso il tempo di riposo, stendere l’impasto con le dita umide (bagnarle in una ciotolina in cui si è mescolato una parte di acqua e una di olio) in una teglia (cm 37×25) leggermente unta.

Profumare la superficie della focaccia con il rosmarino tritato, disporre le ciliegie tagliate a metà e spolverizzare con un pizzico di sale grosso.

Infornare a 200 gradi per circa 20-25 minuti.

Lasciar intiepidire e servire.

Libum, focaccia dell’antica Roma, senza glutine

image

“Il Libum era un tipo di pane o meglio una focaccia che veniva offerta agli dei dagli antichi romani in particolari occasioni.
Veniva solitamente dedicato a Giove dagli sposi durante la celebrazione del matrimonio oppure più spesso offerto agli dei come libagione in occasione di sacrifici e da qui discende il significato del termine Libum, dal verbo libare, che significa appunto fare una libagione.
La ricetta è riportata nel “De Agricoltura” di Catone che suggerisce di usare il grano tenero o quello duro invece del farro. Questo cereale, infatti, era talmente diffuso che il suo nome ha dato origine al termine farina.
Una focaccia semplice da fare, dall’intenso profumo di alloro, adatta da servire, tagliata a pezzetti, con l’aperitivo”.

Dal libro “Semplice come il pane….da ogni parte del mondo”

DIFFICOLTÀ: facile

INTOLLERANZE:
senza glutine, senza frutta secca, senza crostacei

INGREDIENTI RICETTA:

400 g di ricotta
200 g di farina Pane e Pizza Piaceri Mediterranei
6 g di sale
1 uovo
Foglie di alloro
Olio extravergine di oliva

PROCEDIMENTO RICETTA:

Passare la ricotta al setaccio in modo da ridurla a una crema, unire l’uovo leggermente sbattuto, mescolare poi unire poco per volta farina e sale.

Foderare con carta da forno bagnata e strizzara una teglia (cm 20), disporvi uno strato di foglie di lauro lavate e asciugate e ungerle con l’olio.

Versare l’impasto sul letto di alloro e livellarlo con un cucchiaio unto di olio.
Cuocere in forno caldo a 180 gradi per circa 30-35 minuti.

La focaccia con tonno e scamorza di Luca Montersino, ma senza glutine

image

Una focaccia a lunga maturazione di Luca Montersino, con relativi consigli e suggerimenti che il maestro elargisce generosamente, come sua consuetudine, nelle varie trasmissioni a cui partecipa.
Per la mia focaccia senza glutine ho seguito il suo procedimento e ascoltato i suoi consigli:
Reidratare la farina integrale (per me Mix Brot Schär) con acqua, lievito e miele, così, tra altre cose, non asciugherà troppo l’impasto.
In questo frattempo il lievito si nutre con gli zuccheri a disposizione (miele o malto), per poi passare agli amidi e non aggredisce subito le proteine della farina, per una miglior riuscita dell’impasto: ed ecco spiegato la funzione del malto.
Se si usa la planetaria l’acqua deve essere fredda e non calda o tiepida, perché l’impasto deve uscire dalla macchina impastatrice a non più di 26 gradi, altrimenti, surriscaldandosi, inibisce l’attività del lievito.
A mano invece si impasta più velocemente e non è necessario che l’acqua sia fredda.
L’acqua del rubinetto (o acqua del sindaco) non va bene poiché contiene cloro, un antibatterico che contrasta l’azione dei microorganismi del lievito.
Meglio usare acqua minerale (io uso acqua ionizzata).
Questa focaccia si può fare anche con lievitazione normale, cioè con il solito raddoppio dell’impasto, ma la versione “lenta” è più digeribile e davvero speciale: la pasta è straordinaria.
Chi non ama il tonno può sostituire con il classico prosciutto e formaggio.
Tutto il procedimento si trova nel libro di Montersino “Le mie torte salate” che, stranamente, ancora non è nella mia libreria.
A questo provvedo subito!

DIFFICOLTÀ: facile

INTOLLERANZE:
senza glutine, senza uova, senza frutta secca, senza crostacei

INGREDIENTI RICETTA:

Per l’impasto:
385 g di farina Mix Pane e Pizza Grano Zero Molino Pasini
310 g di acqua
50 g di Mix Brot Schär + poca per lo spolvero
5 g di miele (o malto di riso)
5 g di lievito di birra fresco
20 g di olio extravergine di oliva + poco per ungere panetti e teglia
7 g di sale

Per la farcia:
200 g di scamorza affumicata
250 g di tonno sott’olio
Basilico fresco

Per la salamoia:
15 ml di acqua
15 ml di olio extravergine di oliva
6 g di sale

PROCEDIMENTO RICETTA:

Nella ciotola della planetaria mettere la farina integrale, l’acqua, il miele, il lievito e lasciare a riposo anche per un’ora, in modo che la farina integrale si idrati bene.

Aggiungere poi la farina bianca e impastare.

Dopo alcuni giri aggiungere l’olio ed infine il sale.

Mettere l’impasto sulla spianatoia infarinata, impastare (pirlare) aiutandosi con un tarocco e fare un panetto.

Coprire con una ciotola e lasciar riposare per un’ora a temperatura ambiente.
Questo (puntatura) dovrebbe permettere al lievito di sviluppare il glutine e rendere l’impasto liscio e compatto. Non so quanto serva alle farine senza glutine, ma qualcosa ha fatto: ho trovato l’impasto più rilassato….

Dividere l’impasto in due palline, una leggermente più grande dell’altra.
Lavorarle, ungerle con un po’ di olio e metterle in due ciotole.
Coprire con pellicola e riporre in frigorifero per 18 ore o anche più.

Trascorso questo tempo, togliere dal frigorifero e lasciare a temperatura ambiente per un paio d’ore poi, con i polpastrelli, stendere la pallina più grande in una teglia rotonda di cm 26, ben unta, in modo che la pasta esca dal bordo.
Girare e rigirare l’impasto: si ungerà sotto e sopra e sarà più facile stenderlo.

Distribuire il tonno spezzettato, il formaggio a fette, il basilico e coprire con la seconda pallina stesa nello stesso modo della precedente ma su un foglio di carta da forno.

Premere delicatamente tutta la superficie e sigillare molto bene i bordi.

Coprire con pellicola e lasciare a temperatura ambiente per 40-50 minuti.

Prima di infornare bucherellare la pasta con i rebbi di una forchetta per far uscire l’aria e versare sulla focaccia la salamoia, preparata emulsionando bene acqua, sale e olio.
L’acqua con il calore evaporerà e manterrà morbida la focaccia, mentre l’olio la farà diventare dorata e croccante…ma non troppo.

Infornare a 230 gradi per 20 minuti circa.
Sformare, lasciare intiepidire e tagliare.

Focaccia senza glutine lievitata con il kefir

image

Dopo il mio primo pane lievitato con il kefir:
https://stellasenzaglutine.com/2015/09/25/il-mio-primo-pane-senza-glutine-lievitato-con-il-kefir/
ho fatto questa focaccia, a dir poco strepitosa, aromatizzata con pochi ingredienti per gustare meglio il suo sapore.

Ps: sono solita dissalare i capperi e conservarli in un vasetto coperti con olio extravergine, sono comodi per tante preparazioni. Su questa focaccia, ad esempio, abbinati alle olive nere, ci stanno molto bene!

DIFFICOLTÀ: facile

INTOLLERANZE:
senza glutine, senza uova, senza frutta secca, senza crostacei

INGREDIENTI RICETTA:
600 g di Mix Farine per Pane e Focacce*
150 g di kefir (non separato dal siero)
1 cucchiaio di miele
20 g di olio extravergine di oliva + il necessario per lavoro
250 g di acqua tiepida
10 g di sale

Per farcire:
Una cipolla
Salvia e rosmarino
Olive nere e capperi dissalati sott’olio
Sale

https://stellasenzaglutine.com/2013/04/25/i-mix-di-farine-senza-glutine/

PROCEDIMENTO RICETTA:

Preparare il lievitino o starter:
In una ciotola mescolare 150 g di farina, il kefir e il miele; coprire con la pellicola e lasciar lievitare.
(dalle 10.30 alle 12.30 del giorno dopo).

Nella ciotola del robot mescolare: 450 g di farina, il lievitino, 20 g di olio, 250 g di acqua tiepida e fare qualche giro con il gancio.
Aggiungere il sale e impastare a velocità sostenuta per cinque minuti.

Ungere una ciotola e versarvi l’impasto.

Coprire con la pellicola oliata (l’impasto lievitando non si attaccherà) e mettere a lievitare in forno con la lucina accesa.
Per raddoppiare ci vorranno circa 5 ore.

Ungere una latta da forno, versarvi l’impasto lievitato e allargarlo aiutandosi con le dita unte o bagnate con acqua tiepida.

Farcire con rondelle di cipolla, salvia e rosmarino, olive nere denocciolate e capperi e terminare con una spolverata di sale e un filo di olio.

Mettere a riposare per 30-40 minuti poi cuocere in forno caldo a 200 gradi per circa 20 minuti.

Focaccine senza glutine al mais bianco

image

Mi basta un ritaglio di giornale, trovato per caso tra vecchie riviste, per scatenare la mia voglia di cucinare.
È andata così per queste focaccine, chiamate dal giornale impropriamente “schiacciatine”.
Da mantovana doc conosco benissimo le “schiacciatine” e queste non posso definirle tali.
Le ho ribattezzate quindi focaccine, termine molto più appropriato per queste deliziose tortine salate.
Veloci da preparare (basta poco meno di un’ora), possono essere un antipasto insolito e gradevole.

Ps: per le mie focaccine ho usato stampi di silicone e, poiché erano nuovi, li ho passati con un filo di olio. Al prossimo utilizzo questo passaggio non sarà necessario.
Ho dato più carattere alle focaccine con una macinata di pepe e un pizzico di peperoncino che non erano tra gli ingredienti originali.

DIFFICOLTÀ: facile

INTOLLERANZE:
senza glutine, senza frutta secca, senza crostacei

INGREDIENTI RICETTA:

2 vasetti di yogurt naturale
180 g di farina di mais bianca**
2 uova
1 cucchiaino di lievito per torte salate**
2 cucchiaini di bicarbonato
2 cucchiai di olio extravergine di oliva
Pepe nero
Peperoncino in polvere**
Grana grattugiato

** Prodotti a rischio per il celiaco: verificare in etichetta se prodotto idoneo, quindi con il claim “senza glutine”, oppure consultare il prontuario AIC Assoc. Italiana Celiachia

PROCEDIMENTO RICETTA:

Mescolare la farina con il bicarbonato e il lievito.

Aggiungere l’uovo sbattuto, lo yogurt, l’olio, una macinata di pepe nero, un pizzico di peperoncino e il sale.
Lavorare e amalgamare bene gli ingredienti.

Suddividere l’impasto in 4 stampini di 10 cm di diametro e spolverizzare la superficie con pepe o peperoncino.
Cuocere in forno a 200 gradi per 20 minuti.

Lasciar raffreddare, sformare e spolverizzare di grana grattugiato.

Focaccia senza glutine con indivia marinata, da una idea di Lorenzo Vinci

image

Mi sono innamorata di questa ricetta e l’ ho sognata senza glutine.

Lorenzo Vinci:
“Una vita impegnata alla ricerca del meglio gastronomico: i prodotti di eccellenza, le ricette più raffinate, i luoghi di culto del mangiar bene”: questo è Lorenzo Vinci!
Ecco come presenta questa focaccia che, tagliata a quadratini, viene servita assieme al Martini Swett:

” semplici e veloci queste focaccine fatte in casa, perfette per stupire gli ospiti all’ora dell’aperitivo.
L’indivia belga è una pianta biennale tipica del Belgio. Appartiene alla famiglia delle cicorie, ricca di antiossidanti e, secondo la Medicina Tradizionale Cinese, ideale per stimolare la funzionalità di milza e reni e liberare così il corpo dalle tossine.
Si caratterizza per un sapore amarognolo, ammorbidito in questo caso, dalla marinatura degli agrumi e dai dolci sorsi del cocktail Martini che propongo come accompagnamento”.

Infatti Lorenzo Vinci suggerisce di gustare questo finger food con un Martini Sweet.
A me basta “sglutinare” la ricetta, per il resto…. campo libero….anche nelle porzioni!

Ps: non ho fatto nessuna variazione agli ingredienti della ricetta originale, mi sono limitata ad usare una buona farina senza glutine e ad omettere un cucchiaio di zucchero dall’impasto della focaccia.
Il risultato è stato strepitoso: ottima la focaccia, straordinaria farcita con l’indivia.

DIFFICOLTÀ: facile

INTOLLERANZE:
senza glutine, senza uova, senza frutta secca, senza latticini, senza crostacei

INGREDIENTI RICETTA:

400 g di farina senza glutine per Pane e Pizza Molino Dallagiovanna
250 g di acqua
1 bustina di lievito in polvere per torte salate**
6 cucchiai di olio extravergine di oliva
Sale e pepe nero

** Prodotto a rischio per il celiaco: verificare in etichetta se prodotto idoneo, quindi con il claim “senza glutine”, oppure consultare il prontuario AIC Assoc. Italiana Celiachia

Per il ripieno:
200 g di indivia belga
1 limone
1 arancio
30 g di olive nere
30 g di capperi sott’aceto
Filetti di acciuga

PROCEDIMENTO RICETTA:

Nella ciotola del robot (o in una terrina) mettere la farina, il lievito in polvere, 4 cucchiai di olio, il sale, l’acqua e impastare finché il composto diventa omogeneo.

Con le dita umide stendere l’impasto in una teglia da forno rettangolare (la mia 28×20; per una focaccia più alta usare una teglia più piccola) unta con 2 cucchiai di olio.

Spolverare la superficie di sale e di pepe e infornare a 200 gradi per 20 minuti, possibilmente con forno ventilato.

Lavare e asciugare l’indivia, tritarla grossolanamente e metterla in una ciotola.

Aggiungere il succo del limone e dell’arancio, le olive denocciolate e tagliate a fettine e i capperi, passati sotto l’acqua corrente e tamponati con una carta assorbente.

Coprire con la pellicola e lasciar marinare in frigorifero per 15 minuti.

Quando la focaccia è pronta, tagliarla a quadratini (i miei sono rettangoli, non troppo piccoli!) e aprirla a metà.

Togliere l’indivia dal frigorifero, scolarla bene dal succo degli agrumi e farcire metà delle focaccine.
Completare con il filetto di acciuga, richiudere come piccoli panini e servire.

Focaccia senza glutine con speck e rosmarino

image

Per quell’incontro mi serviva un finger food sfizioso e appetitoso ed era anche l’occasione per far conoscere qualcosa di “senza glutine” che non fosse la solita torta o l’immancabile muffin.
Una focaccia? Si presta ad essere porzionata, infilzata da spiedini per un consumo comodo e gradevole…. e sia!
Nel mio giardino il rosmarino è profumatamente in fioritura e nella dispensa ho un trancio di ottimo speck trentino senza glutine: non potevo chiedere di meglio!

La focaccia ha avuto un grande successo, buona come se non più di una focaccia “glutinosa”!
Che soddisfazione!!
Il mio pensiero corre a Olga e Manu….
Non avrei mai pensato di raggiungere questi risultati nella mia cucina gluten free…merito delle ottime maestre che mi hanno dato buone basi e spronato a volare con le mie ali….

DIFFICOLTÀ: facile

INTOLLERANZE:
senza glutine, senza uova, senza frutta secca, senza latticini, senza crostacei

INGREDIENTI RICETTA:

470 g di Mix farine per pane e focacce
335 g di acqua
5 g di lievito di birra fresco
27 g di olio extravergine di oliva
Rosmarino
100 g di speck (ho usato speck Segata, senza glutine e senza lattosio)
4 g di sale

* Mix farine per pane e focacce
https://stellasenzaglutine.com/2013/04/25/i-mix-di-farine-senza-glutine/

PROCEDIMENTO RICETTA:

Preparare il poolish:

In una ciotola mescolare 100 g di farina, 200 g di acqua e 5 g di lievito di birra fresco, coprire e mettere in frigorifero se si prepara la sera per il giorno dopo.
Se invece si prepara il mattino, lasciar fermentare a temperatura ambiente o in un luogo caldo, ad esempio nel forno con la lucina accesa.

Dopo circa 2 ore (dipende dalla temperatura), il composto si presenta aumentato e con molte bollicine.

Nella ciotola impastatrice mettere: la farina rimasta (g 370), il poolish, il resto di acqua (g 135), l’olio, gli aghi di rosmarino lavati e asciugati, lo speck tagliato a dadini e per ultimo il sale.

Far andare l’impastatrice per almeno 5 minuti a velocità sostenuta.

Versare l’impasto in una ciotola unta con olio e coprire con la pellicola.
Fare una passata di olio anche sulla pellicola così l’impasto, lievitando, non si attacca.
Mettere a lievitare in un luogo caldo fin che avrà raddoppiato il volume.

Ungere una latta da forno (cm 27×38) e versare l’impasto, stendere con le dita bagnate con olio e acqua tiepida.
Mettere a riposare il tempo che il forno arrivi a temperatura.

Cuocere in forno caldo a 220 gradi per 20/25 minuti circa.

Soffice, profumata e….squisita!!!

Schiacciata al rosmarino, senza glutine

image

Una schiacciata soffice, saporita e appetitosa, da servire anche come stuzzichino prima di una cena.
La preparo spesso, è sempre molto gradita e se ne avanza è buonissima anche il giorno dopo.
Il suo profumo di rosmarino risveglia l’appetito anche agli ospiti più esigenti.

DIFFICOLTÀ: facile

INTOLLERANZE:
senza glutine, senza uova, senza frutta secca, senza latticini, senza crostacei

INGREDIENTI RICETTA:

350 g di Preparato senza glutine speciale Pane e Pizza Molino Dallagiovanna
250 g di acqua
3 g di lievito di birra fresco
20 g di olio extravergine di oliva
Rosmarino
5 g di sale

PROCEDIMENTO RICETTA:

Preparare il poolish: in una ciotola mescolare 100 g di farina, 200 g di acqua e 3 g di lievito di birra fresco, coprire e mettere in frigorifero se si prepara la sera per il giorno dopo.
Se invece si prepara il mattino, lasciar fermentare a temperatura ambiente o in un luogo caldo, ad esempio nel forno con la lucina accesa.

Dopo circa 2 ore (dipende dalla temperatura), il composto si presenta aumentato e con molte bollicine.

Nella ciotola impastatrice mettere: la farina rimasta (g 250), il poolish, il resto di acqua (g 50), l’olio, gli aghi di rosmarino lavati e asciugati e per ultimo il sale.

Far andare l’impastatrice per almeno 5 minuti a velocità sostenuta.

Versare l’impasto in una ciotola unta con olio e coprire con la pellicola.
Se usiamo un contenitore non molto grande, fare una passata di olio anche sulla pellicola così l’impasto, lievitando, non si attacca.
Mettere a lievitare in un luogo caldo fin che avrà raddoppiato il volume.

Ungere una latta da forno e versare l’impasto, stendere con le dita bagnate con olio e acqua tiepida.
Mettere a riposare il tempo che il forno arrivi a temperatura.

Cuocere in forno caldo a 220 gradi per 20/25 minuti circa.

Tagliare e portare in tavola: molto buona!

Focaccia senza glutine con pomodorini e basilico

image

Molto invitante questa focaccia, resa ancor più morbida dalla presenza della patata nell’impasto.
Il poco grano saraceno presente nella farina la rende vagamente rustica, mentre i pomodorini datterini di Pachino, dolci e gustosi, la ingentiliscono: una focaccia da provare!

DIFFICOLTÀ: facile

INTOLLERANZE:
senza glutine, senza uova, senza frutta secca, senza latticini, senza crostacei

INGREDIENTI RICETTA:

350 g di Preparato Mix per Pizza Nutri Free
270 g di acqua
3 g di lievito di birra fresco
20 g di olio extravergine di oliva + 2 cucchiai
5 g di sale
Un pizzico di zucchero
Una patata lessata (g 150)
Pomodorini datterini di Pachino
Basilico

PROCEDIMENTO RICETTA:

Preparare il poolish: in una ciotola riunire 100 g di farina, 200 g di acqua e il lievito fresco (3 g).
Mescolare, coprire e mettere in frigorifero se si prepara la sera per il giorno dopo; se invece si prepara il mattino, lasciar fermentare a temperatura ambiente o in un luogo caldo, ad esempio nel forno con la lucina accesa.

Dopo circa 3 ore (anche meno, dipende dalla temperatura), il composto si presenta aumentato e con molte bollicine.

Nella ciotola impastatrice mettere: la farina rimanente (g 250), il poolish, un pizzico di zucchero, il resto di acqua (g 70), la patata lessata e passata allo schiacciapatate, l’olio e il sale.

Far andare l’impastatrice per almeno 5 minuti a velocità sostenuta.

Versare l’impasto in una ciotola unta con olio e coprire con la pellicola.

Mettere a lievitare in un luogo caldo fin che avrà raddoppiato il volume.
Se usiamo un contenitore non molto grande, fare una passata di olio anche sulla pellicola così l’impasto, lievitando, non si attacca.

Nel frattempo lavare, asciugare e tagliare i pomodorini, spezzettare le foglie di basilico e condire con un cucchiaio di olio.
Mescolare e mettere da parte.

Ungere una latta da forno, versarvi l’impasto lievitato e stenderlo con le dita bagnate con olio o acqua tiepida.

Distribuire i pomodorini e lasciar lievitare per altri 15 minuti.
Cuocere in forno caldo a 220 gradi per 20 minuti circa.

Sformare, tagliare e…gustare!!