Plumcake senza glutine al grano saraceno, verdure e tofu

image

Molto appetitoso questo plumcake e, come dice la presentazione ne “I quaderni di Alice Cucina”, è una ricetta “antispreco” o “svuotafrigo”….reparto verdure.
Per me niente formaggio, ma un salutare panetto di tofu, niente latte ma acqua nell’impasto, niente burro per lo stampo ma carta da forno che permette di sformare con facilità il plumcake senza fornirgli ulteriori grassi.
La provenienza della ricetta l’ho già detta, le mie variazioni anche….non resta che invitarvi a provare: la ricetta è facile, la riuscita è garantita!

DIFFICOLTÀ: facile

INTOLLERANZE:
senza glutine, senza frutta secca, senza latticini, senza crostacei

INGREDIENTI RICETTA:

150 g di farina Mix per Pane Nutri Free
50 g di farina di grano saraceno bianca Nutri Free
3 uova
Un panetto di tofu**
Una carota, un peperone, una zucchina, una melanzana, una patata
Qualche rondella di porro
Un pezzetto di zucca
Foglioline di timo fresco
Una bustina di lievito per torte salate**
120 ml di acqua
100 ml di olio extravergine di oliva
Sale e pepe

** Prodotti a rischio per il celiaco: verificare in etichetta se prodotto idoneo, quindi con il claim “senza glutine”, oppure consultare il prontuario AIC Assoc. Italiana Celiachia

PROCEDIMENTO RICETTA:

Mondare, lavare le verdure e tagliarle tutte a bastoncini.

Tamponare il tofu con una carta assorbente e tagliarlo a bastoncini.

Rivestire una teglia con carta da forno, mettere le verdure e il tofu, condirle con un filo di olio e le foglioline di timo.
Salare, pepare e mettere in forno caldo a 180 gradi per circa 30 minuti.

In una ciotola sbattere le uova con l’olio e l’acqua.

Aggiungere le verdure (tenerne da parte alcune per la decorazione), le farine mescolate al lievito, sale e pepe.

Rivestire uno stampo da plumcake con carta da forno bagnata e strizzata e versarvi il composto.
Cuocere a 180 gradi per circa 50 minuti.

Sfornare, lasciar raffreddare e togliere la carta da forno.

Guarnire con le verdure tenute da parte e servire: davvero speciale!!

Plumcake senza glutine ai lamponi con glassa al miele

image

Due vaschette di lamponi freschissimi: facciamo un plumcake, rivestito con una golosa colata di glassa al miele.
Tutto molto semplice, veloce, gustosissimo e…piuttosto light!

Qualche variazione alla ricetta originale (direi molte in questo caso, tante da stravolgere la ricetta):
Un po’ più di farina, niente zucchero ma miele, niente burro ma olio di semi di girasole ed infine latte di riso al posto del latte vaccino.
Anche la glassa è fatta a modo mio, con miele, succo di mela, di limone, poca fecola e, per un colore più in tema, qualche goccia di colorante rosso (senza glutine ovviamente): perfetta!!
Ricetta originale da “I quaderni di Alice Cucina”.

Ps: consiglio di fare doppia dose di glassa: va a ruba!!

DIFFICOLTÀ: facile

INTOLLERANZE:
senza glutine, senza frutta secca, senza latticini, senza crostacei

INGREDIENTI RICETTA:

300 g di farina senza glutine Mix Dolci Nutri Free
100 g di miele
180 g di lamponi
90 g di olio di semi di girasole bio
100 g di latte di riso**
2 uova
Una bustina di lievito**
1 limone non trattato
Poca farina di riso finissima Nutri Free

Per la glassa:
1 cucchiaio di miele (2 se si usa l’acqua)
1/2 bicchiere (50ml) di succo di mela (o di acqua)
Due cucchiai di succo di limone
1 cucchiaino di fecola di patate**
Colorante alimentare rosso**

** Prodotti a rischio per il celiaco: verificare in etichetta se prodotto idoneo, quindi con il claim “senza glutine”, oppure consultare il prontuario AIC Assoc. Italiana Celiachia

PROCEDIMENTO RICETTA:

Lavorare l’olio con il miele fino a farlo diventare leggermente schiumoso; unire le uova intere, una alla volta.

Aggiungere la farina setacciata con il lievito, il latte, la buccia del limone grattugiata e amalgamare.

Passare 150 g di lamponi delicatamente nella farina di riso e aggiungerli al composto.
(sarà molto difficile non romperli, per questo ne ho aggiunto qualcuno sulla superficie prima di infornare)

Bagnare e strizzare un foglio di carta forno e rivestire uno stampo da plumcake.
Versare il composto, aggiungere sulla superficie i rimanenti 30 g di lamponi interi e cuocere in forno caldo a 180 gradi per 35-40 minuti.

Togliere dal forno e mentre il plumcake si raffredda preparare la glassa.

Stemperare la fecola nel succo di mela.
Aggiungere il miele, mettere sul fuoco ad addensare.

Togliere dal fuoco, versare in una ciotolina, aggiungere qualche goccia di colorante alimentare, mescolare e far raffreddare.

Colare la glassa sul plumcake e servire.

Biancomangiare senza glutine con granella di pistacchi

image

Il biancomangiare è una preparazione dolce e delicata, tipica di tre regioni italiane:
la Valle d’Aosta, la Sardegna e la Sicilia.
In Valle d’Aosta prende il nome di Blanc Manger e si prepara in due versioni, la prima è fatta con latte di mandorle, la seconda utilizza latte di mucca.
In Sardegna è un dolce chiamato Menjar blanc.
In Sicilia il biancomangiare è una crema preparata con mandorle tritate, zucchero, amido, buccia di limone, cannella e messa a raffreddare in forme di terracotta.

Cercavo un dolce non impegnativo ma sfizioso, da preparare velocemente per una occasione speciale e la mia scelta è caduta su questa interpretazione del biancomangiare, da Menù d’Occasione de “I quaderni di Alice Cucina”.
Le dosi di questa ricetta erano per 20 persone, a me bastavano due dosi, ma ne ho fatto quattro, nel caso volessimo fare il bis…

Ps: le mie variazioni alla ricetta originale:
Qualcosa di meno: in proporzione meno granella di pistacchio (anche così è abbondante) e un po’ meno anche di mandorle nella crema;

Qualcosa di diverso: niente zucchero ma miele. Ne ho messo poco, rispetto alla dose di zucchero ma se si preferisce più dolce aumentare di 10-15 g. Ho usato il miele di Sulla dal colore chiaro, profumo gradevole e dal sapore delicato;

Qualcosa di più: un bicchierino di limoncello nella crema. Ci sta davvero bene: rafforza gusto, sapore e carattere al biancomangiare. Lo consiglio!

DIFFICOLTÀ: facile

INTOLLERANZE:
senza glutine, senza uova, senza crostacei

INGREDIENTI:
1/2 litro di latte
50 g di amido di mais, senza glutine **
50 g di miele
150 g di mandorle pelate
80-90 g di granella di pistacchio
1 limone
Un bicchierino di limoncello

** Prodotto a rischio per il celiaco: verificare in etichetta se prodotto idoneo, quindi con il claim “senza glutine”, oppure consultare il prontuario AIC Assoc. Italiana Celiachia

PROCEDIMENTO RICETTA:

In una casseruola raccogliere il latte, il miele e l’amido di mais e amalgamare tutto a freddo.

Mettere sul fuoco basso, aromatizzare con la scorza del limone grattugiata e mescolare fino a quando la crema inizierà a bollire.
Spegnere il fuoco, tritare le mandorle e incorporarle alla crema.

Versare tutto in una ciotola, aggiungere un bicchierino di limoncello, mescolare ed amalgamare bene.

Distribuire la crema nelle coppette e lasciar raffreddare.

Guarnire con i pistacchi tritati grossolanamente e trasferire in frigorifero fino al momento di servire.

Torta senza glutine pere e cioccolato

image

Questo dolce è stato un’amore a prima vista: mi sono innamorata guardando la sua foto su “i Quaderni di Alice Cucina”.
Quando poi ho letto gli ingredienti: niente grassi, solo cacao, farina, uova e pere e quindi un dolce light, o meglio, abbastanza light….
Qualche modifica? Oltre a “sglutinarla”, al posto degli zuccheri semolato e di canna della ricetta originale, diminuisco di poco la dose e uso lo zucchero mascobado che con il suo spiccato sapore di melassa si abbina molto bene al cioccolato.
Il caramello in cui si aromatizzano le piccole pere è buonissimo: moscato, bacca di vaniglia, cannella e mascobado hanno un profumo straordinario!
Se poi a questo si aggiunge il profumo del cioccolato in cottura….si pregusta il dolce con molto anticipo!

DIFFICOLTÀ: facile

INTOLLERANZE:
senza glutine, senza latticini, senza frutta secca, senza crostacei

INGREDIENTI RICETTA:

60 g di cacao amaro (ho usato il cacao Lindt, in prontuario AIC Associaz. Italiana Celiachia)
50 g di farina Nutri Free Mix per dolci
4 uova
100 g di zucchero mascobado
1 cucchiaino di lievito per dolci (vedere prontuario AIC Associaz. Italiana Celiachia)

Per le pere caramellate:

4 pere piccole
1/4 di bacca di vaniglia
Un pezzetto di cannella
1 cucchiaio di zucchero mascobado
60 ml di moscato

PROCEDIMENTO RICETTA:

Pelare le pere, togliere il torsolo con l’apposito strumento, lasciando intatta la parte superiore.

Metterle in un tegamino antiaderente con lo zucchero mascobado, la stecca di vaniglia e il moscato.
Passare a fuoco vivace per 8/10 minuti, fino a che lo zucchero comincia a caramellare.
Lasciar raffreddare.

Battere le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso.

Setacciare farina, cacao, lievito e sale e aggiungerli delicatamente al composto precedente.

Versare l’impasto in uno stampo di cm 22 rivestito di carta forno bagnata e strizzata (così si evita di imburrare).

Asciugare bene le pere e inserirle nell’impasto distanziandole l’una dall’altra.

Cuocere a 170 gradi per 45/50 minuti.

Lasciar raffreddare e sformare.

Ps: nel tegamino in cui ho aromatizzato le pere era rimasto del caramello.
Sciolto a fuoco vivace con un po’ di moscato e versato tiepido sul dolce….una delizia!!