Biscotti di frolla montata, senza glutine, senza burro e con solo albumi

image

Questa ricetta ha una lunga storia: l’ho avuta da una conoscente, ma è di una certa Daria, che l’ha passata a una tale Lucia, che a sua volta l’ha passata alla mia conoscente e ora è finita nella mia cucina per essere “sglutinata”.
È cominciato tutto con la necessità di smaltire degli albumi.
Qualche chiacchiera tra “comari” o meglio “rasdóre” visto che siamo a Mantova, ed è saltata fuori questa ricetta: me la lascio scappare? Non sia mai!!

Questo tipo di pasta frolla montata con albumi e burro viene definita “frolla viennese”, ma con l’olio non saprei come chiamarla.
La frolla montata ha generalmente una consistenza morbida e si usa mettere nel sac à poche o nello spara biscotti, ma la mia frolla non è così morbida, anche se per realizzare i biscotti ho usato la tasca da pasticcere, più che altro per velocizzare.
Avrei potuto renderla più morbida aggiungendo un po’ di latte, magari latte di mandorla o di riso, ma ho preferito fare una frolla abbastanza compatta che, volendo, si può anche plasmare con le mani.
Ho sostituito lo zucchero con una quantità minore di miele, se si preferisce un biscotto più dolce basta aumentarne la dose.
Per rendere più soffice ed elastico l’impasto ho usato il Mix Xantano della Nutri Free: facile preparare i biscottini, morbida la consistenza finale.
Su alcuni, per renderli più sfiziosi, ho messo dei pinoli: ci stanno bene!
Se conservati in una scatola di latta si mantengono per diverso tempo….basta non offrirli ad ogni occasione, come ad esempio per i caffè con le amiche: questi biscotti light….non hanno scampo!

DIFFICOLTÀ: facile

INTOLLERANZE:
senza glutine, senza latticini, senza crostacei

INGREDIENTI:

3 albumi (120-130 g circa)
180 g di miele
450 g di farina senza glutine Mix Dolci Nutri Free
10 g di Mix Xantano Nutri Free
200 ml di olio di semi di mais
un pizzico di sale
scorza di un limone grattugiata
Semini di una bacca di vaniglia
12 g di lievito per dolci**
Pinoli

** Prodotto a rischio per il celiaco: verificare in etichetta se prodotto idoneo, quindi con il claim “senza glutine”, oppure consultare il prontuario AIC Assoc. Italiana Celiachia

PROCEDIMENTO RICETTA:

Nella ciotola del robot montare con la frusta il miele con l’olio per tre, quattro minuti.

Aggiungere gli albumi e montare per qualche altro minuto poi unire il sale, la scorza grattugiata del limone e i semini della bacca di vaniglia.

Setacciare la farina con il lievito, il Mix Xantano e aggiungere poco alla volta, continuando a mescolare con la foglia.

Quando il composto si è ben amalgamato si possono realizzare subito i biscotti, senza far riposare l’impasto: questo tipo di pasta frolla non ha bisogno di riposo.

Riempire il sac à poche con il composto e tagliare il fondo della sacca a circa un centimetro e mezzo dal fondo o comunque in modo da ottenere un foro abbastanza grande per far passare il composto senza troppa fatica.
Far uscire il rotolino di pasta su una carta da forno, tagliare i biscotti e dare la forma preferita.
Facoltativi i pinoli.

Mettere i biscotti in frigo a stabilizzarsi per 15-20 minuti (forse, data la consistenza, non è necessario, ma li ho messi ugualmente).

Cuocere in forno caldo, statico a 180 gradi per 15 minuti.

Plumcake senza glutine al grano saraceno, verdure e tofu

image

Molto appetitoso questo plumcake e, come dice la presentazione ne “I quaderni di Alice Cucina”, è una ricetta “antispreco” o “svuotafrigo”….reparto verdure.
Per me niente formaggio, ma un salutare panetto di tofu, niente latte ma acqua nell’impasto, niente burro per lo stampo ma carta da forno che permette di sformare con facilità il plumcake senza fornirgli ulteriori grassi.
La provenienza della ricetta l’ho già detta, le mie variazioni anche….non resta che invitarvi a provare: la ricetta è facile, la riuscita è garantita!

DIFFICOLTÀ: facile

INTOLLERANZE:
senza glutine, senza frutta secca, senza latticini, senza crostacei

INGREDIENTI RICETTA:

150 g di farina Mix per Pane Nutri Free
50 g di farina di grano saraceno bianca Nutri Free
3 uova
Un panetto di tofu**
Una carota, un peperone, una zucchina, una melanzana, una patata
Qualche rondella di porro
Un pezzetto di zucca
Foglioline di timo fresco
Una bustina di lievito per torte salate**
120 ml di acqua
100 ml di olio extravergine di oliva
Sale e pepe

** Prodotti a rischio per il celiaco: verificare in etichetta se prodotto idoneo, quindi con il claim “senza glutine”, oppure consultare il prontuario AIC Assoc. Italiana Celiachia

PROCEDIMENTO RICETTA:

Mondare, lavare le verdure e tagliarle tutte a bastoncini.

Tamponare il tofu con una carta assorbente e tagliarlo a bastoncini.

Rivestire una teglia con carta da forno, mettere le verdure e il tofu, condirle con un filo di olio e le foglioline di timo.
Salare, pepare e mettere in forno caldo a 180 gradi per circa 30 minuti.

In una ciotola sbattere le uova con l’olio e l’acqua.

Aggiungere le verdure (tenerne da parte alcune per la decorazione), le farine mescolate al lievito, sale e pepe.

Rivestire uno stampo da plumcake con carta da forno bagnata e strizzata e versarvi il composto.
Cuocere a 180 gradi per circa 50 minuti.

Sfornare, lasciar raffreddare e togliere la carta da forno.

Guarnire con le verdure tenute da parte e servire: davvero speciale!!

Il crumble di mele di Marco Bianchi ma… senza glutine

image

Quando si parla di “crumble” si pensa a friabili briciole burrose che ricoprono frutta profumata e zuccherosa.
L’idea è di una torta all’incontrario, una sbrisolona con sorpresa: questo è il crumble (briciola) nato in Inghilterra, durante la seconda guerra mondiale.
Esistono due versioni del piatto: dolce o salata. La più diffusa è quella dolce.
Dal libro “Io mi muovo” di Marco Bianchi* questo crumble leggero, da gustare nella stagione fredda, come suggerisce l’autore, ma posso garantire che anche in questo periodo non è per niente male (da provare con le pesche noci, senza togliere la buccia).
È un dolce al cucchiaio che si presta a monoporzioni, cucinate in piccole cocotte.
In questo caso non serve rivestirle con carta da forno.
Oltre a “sglutinare” la ricetta con farine senza glutine, ho usato il miele al posto dello zucchero mascobado e ho aggiunto un pizzico di vaniglia in polvere che ci sta molto bene.
Dessert sano, leggero e molto, molto goloso nonostante l’assenza del burro!

Ps: il crumble non è un “soggetto” facile da fotografare ma….provatelo e non lo dimenticherete facilmente!

Per sapere di Marco Bianchi:
http://stellasenzaglutine.com/?s=Marco+Bianchi&submit=Cerca

DIFFICOLTÀ: facile

INTOLLERANZE:
senza glutine, senza uova, senza latticini, senza crostacei

INGREDIENTI RICETTA:

50 g di farina senza glutine Farmo Fibrepast
70 g di farina senza glutine Mix Pane Rustico Schär
20 g di farina di mais per Polenta Taragna**
40 g di noci tritate
40 g di mandorle tritate
1 cucchiaino di lievito per dolci**
40 g di miele di arancio (50 g di zucchero di canna mascobado)
50 g di olio di mais
20 g di latte di soia**
1 mela, 1 pera, con la buccia
Un pizzico di vaniglia in polvere Rapunzel
Cannella in polvere**

** Prodotti a rischio per il celiaco: verificare in etichetta se prodotto idoneo, quindi con il claim “senza glutine”, oppure consultare il prontuario AIC Assoc. Italiana Celiachia

PROCEDIMENTO RICETTA:

Tagliare mela e pera a cubetti piccoli e metterli in una teglia rivestita con carta da forno, ricoperti da una abbondante spolverata di cannella.

Preparare il crumble con le farine, la vaniglia, il lievito, il miele, le noci, le mandorle, l’olio e il latte.

Lavorare l’impasto con le mani e versarlo sulla frutta a cubetti.

Cuocere con forno statico a 180 gradi per 35-40 minuti, poi si può scegliere di gustarlo tiepido o freddo: sempre superlativo!

Pomodori con il riso alla romana, senza glutine

image

La ricetta dei pomodori ripieni al riso sono un classico della cucina mediterranea.
Appartengono alla cultura gastronomica romana e, secondo la tradizione, vanno sempre accompagnati da un contorno di patate.
Il riso che uso per la ricetta è l’Originario (o Balilla), a grani piccoli e tondi, che cuoce in breve tempo (circa 12 minuti).
Prima di riempire i pomodori è comunque essenziale che il riso assorba il passato di pomodoro (come descritto), per non restare sgradevolmente crudo.
Perfette le patate Selenella mini, da usare con la buccia (dopo averle lavate con cura) e tagliate in due parti.
Un piatto unico vegetariano, semplice, leggero e gustoso: noi lo abbiamo apprezzato anche freddo (che poi tanto freddo non era, data la stagione e le temperature di questo periodo…..)

DIFFICOLTÀ: facile

INTOLLERANZE:
senza glutine, senza uova, senza frutta secca, senza latticini, senza crostacei

INGREDIENTI RICETTA:

10 pomodori maturi ma sodi, più o meno delle stesse dimensioni
200 g di riso Originario (o Balilla)
Patate Selenella mini
olio extravergine di oliva
Due spicchi di aglio
Origano, basilico e prezzemolo freschi
Sale e pepe nero

PROCEDIMENTO RICETTA:

Tagliare la calotta ai pomodori e svuotarli completamente.
Salare leggermente l’interno e capovolgerli.

Mettere il contenuto dei pomodori in una ciotola con parte dei profumi freschi e frullare il tutto.

Aggiungere uno spicchio di aglio spremuto, una macinata di sale e di pepe e il riso.
Mescolare e mettere a riposo per almeno un’ora.

Nel frattempo preparare le patate:
In una ciotola aromatizzare qualche cucchiaio di olio con le foglioline dei profumi rimasti, uno spicchio di aglio spremuto, una macinata di sale e di pepe.

Lavare accuratamente le patate senza togliere la buccia, tagliarle in 2 parti, condirle con l’olio aromatizzato e mettere a riposare.

Disporre i pomodori in una teglia da forno, riempirli con il composto di riso e coprirli con la calotta.

Riempire gli spazi con le patate e pennellare i pomodori con l’olio aromatizzato delle patate.
Cuocere in forno caldo a 180-190 gradi per circa 50 minuti.

Togliere i pomodori dal forno e lasciar intiepidire leggermente prima di servire.
Ottimi anche a temperatura ambiente.