La schiacciata all’uva fragola di Palma d’Onofrio, ma senza glutine

image

Palma d’Onofrio, chef e maestra di cucina che ho imparato ad apprezzare nel programma televisivo “La prova del cuoco”, la conosco solo virtualmente, tuttavia non ho perso la speranza di poterla anche abbracciare.
In questo sono ancora all’antica, per me il contatto fisico è insostituibile!
Prima che finisca la stagione dell’uva e ancor di più la possibilità di avere l’uva fragola, molto difficile peraltro da trovare, invogliata dalle fotografie che Palma ha postato su Facebook, ho voluto profumare la mia cucina con questo dolce semplice, che mi riporta a ricordi di famiglia.
Nel periodo della vendemmia, Bruna, una cara cugina della mamma, scrittrice per diletto (suo il racconto “Fughe di una casalinga”), era solita farci visita e portare questo dolce autunnale.
Utilizzava l’ uva nera dei suoi vitigni, con gli acini piccoli e saporiti, quella per fare il vino.
Quasi del tutto simile alla ricetta di Palma, che ho perfettamente copiato, la mia schiacciata all’uva fragola si differenzia solo per l’uso di farina senza glutine e di miele.
Con questo dolce ho ritrovato sapori, profumi e ricordi un po’ dimenticati.
Grazie Palma!

Ps: le mie fotografie della focaccia non sono eccezionali. Non dispongo di fotocamere che rendano al meglio soggetti gastronomici alquanto difficili.
Questa focaccia “scura” non è molto fotogenica, ma il sapore…. è veramente da scoprire!!

DIFFICOLTÀ: facile

INTOLLERANZE:
senza glutine, senza uova, senza frutta secca, senza crostacei

INGREDIENTI RICETTA:

1,5 kg circa di uva fragola

400 g di farina Pane e Pizza grano zero Molino Pasini + poco per lo spolvero
5 g di lievito di birra secco (ho usato quello che si trova nella confezione “La farina Glutafin”)
200 g di succo di uva fragola
100 g di acqua
40 g di miele (o 60 g di zucchero)
30 g di olio di semi di girasole bio + poco per la teglia e per irrorare l’uva
5 g di sale
2 cucchiai di zucchero di canna

PROCEDIMENTO RICETTA:

Lavare l’uva, sgranarla e metterla a sgocciolare.

Schiacciare circa metà acini nel passaverdura e raccoglierne il succo (ne servono 200 g).

Nella ciotola della planetaria mescolare la farina con il lievito, aggiungere il miele, l’olio e mentre il gancio è in movimento versare, poco per volta, il succo di uva e, sempre poco per volta, l’acqua. Da ultimo unire il sale.

Lavorare a velocità bassa fino a quando l’impasto non sarà liscio ed elastico.

Formare una palla, infarinarla leggermente, fare un paio di tagli e metterla in una ciotola coperta con pellicola.
Lasciar lievitare fino al raddoppio del volume iniziale.

Quando la pasta sarà lievitata, capovolgerla sul piano di lavoro infarinato, dividerla in due panetti, uno più grande dell’altro e stendere il panetto grande in una sfoglia sottile.

Foderare fino al bordo una teglia unta d’olio, distribuire l’uva lavata e asciugata, spolverizzare con un paio di cucchiai di zucchero e irrorare con due cucchiai di olio.

Ripiegare i bordi dell’impasto su se stesso.

Stendere il panetto più piccolo e adagiarlo sull’altro, inserire i chicchi di uva nelle fossette che si saranno create dopo aver fatto aderire il disco di pasta e spolverizzare con altro zucchero e olio.

Coprire con pellicola e mettere a lievitare per un’ ora.

Cuocere a 180 gradi per 40 minuti circa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...